Quando corre Nuvolari la folla riempie le strade.

C’ero anch’io nella grande curva della Stazione di Fano quando quel pazzo di Nuvolari con una brusca sterzata del volante, un gesto tecnico solo dei Campioni nati col volante in mano, e facendo scintille sulla Flaminia volava sui tornanti del Furlo dove i suoi tifosi l’aspettavano davanti all’Albergo (lui li salutava sempre con le braccia alzate) puntando come un missile alla volta di Roma.

Genio sregolatezza e razionalità insiti nell’animo di Nivola, il più grande campione di tutti i tempi.

Francesco Medici l’artista e Paolo Aiudi l’ideatore hanno concluso questa triade di fucili rivoluzionando la storia delle armi sportive e indicando a tutto il mondo la nuova strada da intraprendere.

Questa Doppietta di una semplicità francescana, di una bellezza incomparabile, di un legno d’alloro profumato e con venature blu, con le canne d’un riflesso luccicante, non è solo un capolavoro di arma, non è solo un capolavoro d’arte che ci meraviglia, ma è senza dubbio un miracolo.

È un miracolo!!!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Doppiette

Il Mondo dello Sport – Fausto Coppi

Rieccoli quei monelli della Fopa – per loro il tempo non passa – con gli stessi occhi furbi e sognanti; si presentano col solito panno di seta color giallo oro. L’ambiente è diverso; dall’Urbino “con Leggi tutto…

Doppiette

500 Anni d’America – Marilyn Monroe

Sapevo che un lustro fa Francesco Medici e Paolo Aiudi si erano incontrati e non per caso. Guardateli: stessa statura stessi occhi sognanti sentimenti e ideali di vita identici. Mi immagino i discorsi concitati e Leggi tutto…